Passa ai contenuti principali

Ennio e le energie alternative

Cellino Associati SIM, Cellino e Associati SIM

Mi colpisce sempre l’abilità commerciale di Ennio Doris: non appena la crisi finanziaria si aggrava compare con le sue pubblicità rassicuranti, che, spostando l’attenzione dal contingente verso temi di grande fascino e di lungo respiro, semina sicurezze e supporta la raccolta della forza vendita.

In questo periodo non vi sarà sfuggito il tormentone dove afferma che nei prossimi 10 anni la crescita mondiale sarà forte, e per questa ragione la sua banca si è alleata con alcune società di gestione specializzate nei settori del futuro (energie alternative, acqua...).

Un anno fa mi ero già chiesto se gli investimenti tematici non fossero uno specchietto per le allodole. Vi consiglio di andare a rileggere il post, per avere un inquadramento più generale del problema, e vi propongo di verificare se le conclusioni di allora siano ancora valide.

Le figure 1 e 2 rappresentano l’andamento dei seguenti ETF in archi temporali differenti.

Etf S&p Timber&forestry Ish (giallo). L’indice, calcolato da S&P, seleziona tra tutte le azioni quotate nel mondo le 25 più liquide e capitalizzate la cui attività è legata alla proprietà, gestione o partecipazione alla catena produttiva di foreste e legname (come la produzione di carta).


Etf Alter Energy Lyxor. (azzurro). E' un indice composto dalle 20 più grandi società (per capitalizzazione del flottante) selezionate tra quelle comprese nell’indice Dow Jones World Index con l’aggiunta di quelle quotate presso la Bombay Stock Exchange e i cui ricavi derivino prevalentemente dal settore delle energie alternative.

Etf Crb Lyxor (rosso). Indice composto da future su 19 materie prime

Etf World Water Lyxor (cremisi). E' un indice azionario che intende rappresentare il settore idrico a livello globale. E’ composto dalle 20 più grandi società (per capitalizzazione del flottante) selezionate tra quelle comprese nell’indice Dow Jones World Index e i cui ricavi derivino prevalentemente dalle attività legate alla gestione dell’acqua.

Etf Msci World Lyxor (blu). Indice onnicomprensivo con oltre 1500 azioni ad alta capitalizzazione negoziate in 23 paesi.


periodo dal 18/3/2008 al 25/5/2010


Periodo dal 2/1/2009 al 25/5/2010
Possiamo notare che generalmente la linea blu (Etf Msci World Lyxor) è mediamente più performante di un investimento tematico.

Faccio notare in particolare che la linea azzurra rappresenta gli investimenti in energie alternative, mentre la linea gialla rappresenta un ETF sulle risorse forestali.
Parrebbe quindi confermata l’impressione, già derivata l’anno precedente, che le considerazioni esposte negli spot siano - più che buoni consigli - iniziative meramente commerciali.
Immagino che se Ennio potesse replicare direbbe che:
- l’andamento passato di un fondo non predice quello futuro
- gli ETF presi in esame replicano il mercato senza migliorarlo, invece il gestore attivo è libero di scegliere “meglio”.


Assolutamente vero.

Mi concedo una replica senza addentrarmi troppo in questioni tecniche. Esistono metodologie universalmente riconosciute per selezionare le azioni maggiormente convenienti. Perché allora limitare la libertà e la bravura di un gestore obbligandolo ad operare in un solo settore? Non è meglio lasciargli mano libera?

Commenti