Passa ai contenuti principali

Il diavolo nei dettagli: le obbligazioni Banca IMI 2013/2019 "TassoMisto Cap&Floor BancoPosta"

Buongiorno ai miei lettori.

I banner sono una cosa veramente utile.
Basta cliccarci sopra che ti fanno venire voglia di scrivere.

Così ho cliccato sul banner delle obbligazioni Banco Posta ed ho trovato la solita fetenzia venduta come l'investimento del futuro.


Ai miei occhi pare evidente, ancora una volta, la ragione per la quale è indispensabile avere un consulente finanziario (musica e testo appropriati) e non un venditore finanziario o il celeberrimo "amico in banca".


Ma si sa, mediamente gli uomini preferiscono essere gabbati piuttosto che vedere una realtà spiacevole.

Non faccio eccezione alla regola neppure io ovviamente, solo che, per uno strano scherzo del destino sono cieco in altri campi.


 

Se doveste investire 10.000 euro per avere una obbligazione che potrebbe rendere tra il 2.5% ed il 4.5% vi passerebbe per la testa di spenderne 370 per farlo*?


Non credo. Ebbene, però se entraste in Posta e chiedeste al vostro "amico postino" come investire, lui (spero) sorridente e inconsapevole vi direbbe che ha le obbligazioni fresche di giornata per voi. E voi spendereste proprio 370 euro per quel consiglio.

Trovare il prospetto informativo e la pagina che indica i dati che contano è cosa un po' complessa, fuori portata per i non addetti.


E' qui. Se andate a pag. 33 del prospetto troverete che il valore teorico del titolo è 96.30 ogni 100, ovvero comperate a 100 un prodotto che vale 96.30.

Tralascio altre considerazioni, per esempio sul rating, non voglio dilungarmi.


Ma se fossi un protagonista di Masterchef direi "Mi stai diludendo!"

Se volete capire come funzionano questi meccanismi infernali cliccate qui.


Se invece volete capire se il vostro "amico" in banca è la persona che fa per voi cliccate qui.


 
* un servizio professionale costa meno di un'amicizia interessata





Commenti