Passa ai contenuti principali

Nuova tassazione sui Fondi Pensione... e io pago!

Era un po' che ci pensavo ma il tempo è sempre tiranno, quindi sintetizzo un bell'articolo del collega che scrive sul blog "la banca del risparmio".

Pare che il governo voglia incrementare dal 11,5 al 20% l’aliquota di imposta sui Fondi Pensione.

Solo tre paesi tassano i rendimenti dei fondi pensione: Italia, Danimarca e Svezia. In questi ultimi due la tassazione è del 15%.

Tutti gli altri paesi preferiscono prelevare una volta sola: al momento dell'erogazione della prestazione pensionistica aggiuntiva. Il motivo è semplice: tassando il risparmio previdenziale nel periodo della sua formazione, si penalizza la fase di accumulo riducendo più che proporzionalmente.

La direttiva europea 41 del 2003, recepita in Italia (dlgs 28/2007) consente di aderire ai fondi pensione costituiti all'estero. Si rischia quindi un esodo del risparmio italiano? Il rischio può esserci soprattutto per i fondi pensione aperti, soprattutto alla luce di una nuova normatica europea sui prodotti di lungo risparmio in fase di definizione a Bruxelles.

Detto altrimenti
1) chi ha le mani legate dal fondo di categoria viene tosato meglio;
2) la politica fiscale danneggia, riducendo i redditi dei risparmiatori;
3) questa politica sposta le società e quindi il lavoro all'estero;
4) e sposta anche gli utili e quindi le tasse sulle società di gestione con sede all'estero.

Poi la Camusso dovrà proporre una tassa su grandi patrimoni come le pensioni per ottenere fondi per produrre a debito altri posti di lavoro.

Commenti