Passa ai contenuti principali

Post

Visualizzazione dei post da Aprile, 2016

Il diavolo nei dettagli - Come approfittare in modo fiscalmente efficiente del rafforzamento del dollaro? - Parte 2

Buongiorno ancora.

Abbiamo visto che un fondo comune potrebbe non essere fiscalmente efficiente per guadagnare da una previsione azzeccata sul movimento del dollaro (naturalmente - a parità di condizioni - un fondo comune è uno strumento fiscalmente inefficente per approfittare di tutte le previsioni).

Torniamo ai nostri dollari.

Ci si potrebbe orientare su una obbligazione emessa dalla propria banca.

E' una scelta oculata, a patto di essere consapevoli che ci si accolla - oltre al rischio di cambio - anche il rischio di tasso e il rischio emittente?

Ma il ragionamento potrebbe essere: "in fondo la mia banca è solida: quindi il rischio è ridotto. Ho trovato lo strumento giusto per fare la mia operazione con i dollari".

Vero? Non proprio.

Immaginiamo che la banca sia realmente solidissima e a scadenza ripaghi l'obbligazione.

Però nel momento in cui il dollaro contro l'euro ha raggiunto il valore massimo, e quindi da un punto di vista valutario è opportuno …

Il diavolo nei dettagli - Come approfittare in modo fiscalmente efficiente del rafforzamento del dollaro? - Parte 1

Buongiorno ai miei lettori.

Oggi vi mostrerò come - pur avendo avuto una buona idea - i risultati possano cambiare in base all'esecuzione della medesima.

Diamo per scontato che il dollaro sia in una fase di debolezza e che prima o poi si rafforzerà.

Sulla scorta di questo assunto un investitore potrà decidere di comperare una certa quantità di titoli (obbligazionari) in dollari.

Ha molte opportunità in questo senso.

Potrebbe comperare un fondo comune di investimento, ma potrebbe comperare anche una obbligazione bancaria, o una obbligazione di uno Stato nazionale o di un Organismo sovranazionale.

Vedremo che a parità di previsione sul dollaro i risultati economici potrebbero essere differenti.

Curioso vero?

Molti investitori privati sono in regime di "risparmio amministrato". Costoro, presentandosi allo sportello o rivolgendosi al proprio promotore verranno indirizzati su un fondo comune monetario o obbligazionario in dollari.

E già questo primo passaggio richiede un minim…

La bolla dei crauti?

Anche chi non mastica di storia economica ha sentito parlare della "bolla dei tulipani".

Oggi, prendendo spunto dalla più nota delle bolle finanziarie moderne evidenzierò - seppure in modo estremamente abborracciato - un fattore di straordinaria criticità dell'euro.


Qual'è il problema della comunità dell'euro?


La differenza sostanziale delle strutture economiche e sociali dei paesi membri, e quindi l'effetto che una variazione dei tassi implica su ciascuna di esse.

Se - in una coppia - quello che è veleno per uno è medicina per l'altro, i problemi di vita in comune saranno all'ordine del giorno.



Ma "prima" come si faceva?

Prima c'erano le monete nazionali. In caso di squilibri economici tra Stati una moneta poteva apprezzarsi o deprezzarsi per riaggiustare (almeno in parte) i problemi derivanti dalle differenti strutture e contingenze economiche.

Un lettore più smaliziato mi potrebbe far notare che anche l'Italia non è un'area moneta…